Anfiteatro romano

condividi su Facebook
Per segnalare eventuali aggiunte, modifiche e/o correzioni andare nella pagina "proponi un contenuto".
Tipologia Struttura: Archeologico
Periodo Storico: Romano
Struttura: Anfiteatro , Sito
Località: Teramo
Indirizzo: Via V. Irelli - 64100 Teramo (TE)

Edificato agli inizi del II secolo d.C. e, in base alla tecnica costruttiva, può essere collocato fra l’età traianea e quella adrianea Fino al 1926 l’anfiteatro di Interamnia, ricordato dagli studiosi locali a partire dal Rinascimento, veniva tradizionalmente identificato con i resti del vicino teatro. Le poche strutture superstiti dell’anfiteatro furono riconosciute ed esplorate parzialmente soltanto nel 1937; dopo drastici interventi di demolizione delle strutture addossate all’esterno del monumento, che è stato in parte distrutto dalla costruzione del Duomo e del Seminario. L’impianto dell’anfiteatro aveva un orientamento nord-sud ed era posizionato in una fascia di terreno forse a ridosso delle mura urbiche, sfruttando in parte un rilievo naturale che aveva già condizionato anche la costruzione del teatro.

Dell’anfiteatro si conserva poco meno della metà dell’ellisse perimetrale e il piano antico dell’arena doveva trovarsi a circa m -6 dall’odierno piano di calpestio. Il monumento, ampio m 73,93x56,16, non era dei più grandi del suo genere. Il suo aspetto esterno non doveva essere molto lontano da come lo si può ancor oggi percepire relativamente alla parti superstiti: i paramenti, esterno e interno, sono in opera laterizia con blocchi lapidei in corrispondenza delle aperture. Il paramento esterno, conservato fino a m 12 di altezza, è realizzato ad anelli gradualmente digradanti verso l’alto. Il settore superiore reca una decorazione a lesene, sempre in laterizio. Nel perimetro murario si aprono numerosi accessi, di cui è chiaramente riconoscibile quello orientale, ad arco sull’asse minore, mentre quello meridionale, sull’asse maggiore, ha un’apertura a tre archi affiancati. Passaggi secondari portavano direttamente alle gradinate, di cui mancano tracce, ma che dovevano essere rette da muri radiali posti a distanza di m 2 e forse collegati da volte. È da escludere l’esistenza di un prospetto esterno ad arcate, poiché sarebbe venuto ad accostarsi eccessivamente al teatro.

Per lungo tempo sono stati erroneamente riferiti all’anfiteatro i rilievi in calcare con armi inseriti nelle murature della Cattedrale, ma tale attribuzione è illegittima poiché, più probabilmente, essi sono pertinenti a un monumento funerario. Invece è documentata, seppur in forma molto frammentaria (soltanto una mano femminile destra, oggi non più reperibile, di dimensioni leggermente inferiori del vero), l’esistenza di un possibile apparato decorativo statuario.

Non è dato sapere come e da chi la costruzione del monumento fu finanziata.

counter
Eventi

Selezione il giorno di tuo interesse per vedere tutti gli eventi

Dicembre 2018
LuMaMeGiVeSaDo
 0102
03040506070809
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 
Ricerca struttura