Duomo - Cattedrale di Teramo

condividi su Facebook
Per segnalare eventuali aggiunte, modifiche e/o correzioni andare nella pagina "proponi un contenuto".
Tipologia Struttura: Religioso , Artistico
Periodo Storico: Rinascimento , Medioevo , Barocco
Struttura: Chiesa
Località: Teramo
Indirizzo: Piazza Orsini - 64100 Teramo (TE)

Il Duomo è il monumento di maggiore pregio di Teramo e si trova nel cuore del centro storico, sull’asse viario principale: i corsi San Giorgio, De Michetti e Cerulli. La cattedrale è intitolata a Santa Maria Assunta.

In seguito alla distruzione della basilica paleocristiana di Sancta Maria Aprutiensis, nel 1155-1565, ad opera del conte Roberto di Loretello, il vescovo Guido II decise di far ricostruire la cattedrale a circa cento passi di distanza dalla precedente, nell’area vicino all’anfiteatro romano. I lavori iniziarono nel 1158 e furono completati nel 1176. Nei secoli successivi il duomo di Teramo ha conosciuto varie trasformazioni: ingrandito fra il 1317 e il 1335, quasi certamente modificato nella seconda metà del Quattrocento, poi trasformato all’interno in forme barocche nel 1739, infine ripristinato nella sua forma originaria nel 1932. Il portale, di tipo cosmatesco, è firmato dall’artista Diodato Romano e risale al 1332; esso presenta, oltre alle decorazioni a mosaico, pregevoli sculture tra le quali vanno menzionate quelle di Nicola da Guardiagrele rappresentanti l’arcangelo Gabriele e l’Annunziata. La facciata è coronata da una merlatura, insolita per un edificio religioso, che simboleggia il potere spirituale e quello temporale, entrambi detenuti dal vescovo locale che rivestiva la carica di vescovo-conte. La porta lignea intagliata è una riproduzione ottocentesca di quella originale del Cinquecento. Sopra il portale si possono osservare gli stemmi a scudo e di colore rosso, della città di Teramo, Atri e del vescovo Nicolò degli Arcioni, grazie al quale la cattedrale venne ampliata (stile gotico e facciata). Ai lati dell’ampia scalinata sono quattro leoni in pietra che, verosimilmente, dovevano essere impiegati come basi di colonne di un colonnato. Sul fianco destro della cattedrale sono inseriti dei rilievi in calcare con armi di epoca romana, da attribuire ad un monumento funerario. 

Il campanile, alto m 48, è stato costruito in vari momenti a partire dal XII secolo in poi e l’ultimo intervento risale al 1493, per opera di Antonio da Lodi. Fino agli anni Sessanta il campanile era collegato al palazzo del Vescovado da un passaggio riservato alla curia.

Nell’interno della cattedrale si individuano due stili: quello romanico, nella parte iniziale, e quello gotico, della prima metà del Trecento, nella parte retrostante; le due fasi costruttive sono infatti intuibili dal diverso allineamento delle stesse. Il soffitto ligneo è variamente decorato. L’altare maggiore, posto nella navata centrale, è decorato dal Paliotto di Nicola da Guardiagrele (su di esso sono riportate le date di inizio e di fine della lavorazione: 1433-1448), costituito da trentacinque formelle d’argento a sbalzo e smaltate, che narrano la vita di Gesù. Altre opere di pregio sono conservate nella cappella di San Berardo, che ha mantenuto lo stile barocco: si tratta del polittico di Jacobello del Fiore (circa 1434-1438), in cui è rappresentata la città di Teramo, e di una statua lignea della Vergine col bambino, risalente al XIII secolo. Anche la sagrestia conserva un bellissimo altare ligneo con tele dell’artista polacco S. Majewski.

In seguito a lavori di restauro, durati circa tre anni, il Duomo è stato riaperto al culto nel settembre del 2007. Nel corso dei lavori, sotto la pavimentazione, sono stati ritrovati e resi visibili al pubblico la cripta, intitolata a San Berardo, e un cunicolo che dalla cripta stessa si dirige verso Piazza Martiri della Libertà. Sotto il pavimento, sono stati inoltre rinvenuti, nella parte prossima all’ingresso principale, resti di ulteriori costruzioni precedenti all’impianto della cattedrale.

Sulla facciata posteriore della cattedrale è stato inoltre inserito un pregevole pannello scultoreo bronzeo, scolpito a basso rilievo, opera dell’artista Venanzo Crocetti, e raffigurante “L’Annunciazione”.

galleria fotografica

  Duomo di Teramo
counter
Eventi

Selezione il giorno di tuo interesse per vedere tutti gli eventi

Novembre 2018
LuMaMeGiVeSaDo
 01020304
05060708091011
12131415161718
19202122232425
2627282930 
Ricerca struttura